Steve Jobs si dimette da CEO di Apple

steve jobsQuesta mattina ero li a togliere il caffè accidentalmente caduto vicino al mio MacBook Pro, quando l’arrivo del giornale (cartaceo) ha turbato ancora di più la mattina. In prima pagina la notizia che Steve Jobs si è dimesso da CEO di Apple. Incredulo apro subito a pagina 20 e leggo velocemente, sembra incredibile che questo momento sia arrivato. Francamente un po’ scettico, navigo rapidamente i siti Apple di riferimento statunitensi, ed ecco la conferma, pochi minuti dopo (alle 11.06) un un “tempismo” eccezionale arriva la mail di Apple Italia che annuncia la notizia. Insomma una mattinata che rimarrà nella storia di noi Apple maniaci, per un epocale cambiamento che ci porterà verso un nuovo futuro e speriamo altrettanto roseo. I nostri migliori auguri a  Steve per la sua vita e la sua salute.

Le considerazioni fatte a mente fredda (si fa’ per dire, visto il caldo che c’è in questi giorni), potrebbero far pensare ad una imminente fine di Apple, ma francamente io personalmente non sono di quest’idea. 

Apple è arrivata d un livello tale dove è in grado di camminare da sola anche senza Steve, visto che si è circondata di persona capaci e brillanti che l’hanno portata al successo di questi ultimi anni. iPod, iPhone, iPad, senza dimenticarsi degli iMac e dei portatili, fanno di Apple, una delle aziende più innovative di sempre e Steve non può essere da solo stato il fautore solitario di questa rivoluzione informatica, ma sicuramente lo hanno aiutato un manipolo di uomini di grandi idee e intuizioni. Indubbiamente un ottimo comandante è essenziale per fare le scelte giuste, ma Steve sicuramente venderà molto cara la sua pelle alla malattia che lo sta’ lentamente consumando. Da Apple user da 17 anni, sono sicuramente molto affezionato alla figura di Steve, ho costruito la mia vita (non solo lavorativa) intorno ad Apple e se non ci fosse stato lui, forse oggi sarei un triste impiegato in qualche ufficio a manovrare scartoffie davanti ad un pc con windows…

dai Steve, non mollare e soprattutto non ci mollare, abbiamo ancora bisogno della tua magia 🙂