Benvenuto iOS 7

IOS 7 iPhone 5

Benvenuto IOS 7. Ieri è stato presentato dallo staff di Apple il nuovo sistema operativo per gli iPhone, gli iPad e gli iPod touch o più che  altro il redesign della sua interfaccia grafica, del modo in cui da 6 anni a questa parte, siamo abituati a vedere e ad utilizzare lo schermo del nostro iDevice.  Era il gennaio del 2007, quando Steve Jobs presentò al mondo un telefono (ma l’iPhone non è solo questo), che ha cambiato il modo di comunicare di milioni di persone al mondo, comprese quelle che un iPhone non l’hanno mai utilizzato, è sufficiente vedere come erano i cellulari prima dell’avvento dell’iPhone per farsene una chiara idea. Da quel gennaio, l’interfaccia dell’iPhone ha subito svariate modifiche, ma mai nessuna così profonda come quella che è stata realizzata adesso per mano del design di Jonathan Ive, il capo della Human Interface in Apple e designer di tutto quello che Apple stessa ha sfornato negli anni, a partire dall’iMac per passare dall’iPhone e dal nuovo stupendo Mac Pro cilindrico.

Le novità saranno tutte da scoprire nel prossimo autunno, periodo in cui uscirà il nuovo IOS 7 e probabilmente un nuovo iPhone, inutile snocciolarvele in queste righe, fate prima ad andare sul sito Apple a vederle con i vostri occhi, ovviamente dire che li fuori sul web, ci saranno migliaia di scontenti della nuova interfaccia, migliaia di utenti che avranno detto, bene adesso mi compro un Galaxy… bene, è normale, volete un Galaxy, compratevelo, usatelo e poi capirete cosa vuol dire avere un Apple tra le mani. 

Quello che molti non capiscono, è che Apple non realizza solamente un ottimo design, ma che realizza soprattutto un esperienza d’uso, ha un usabilità che altri non hanno. Provate ad aggiungere un contatto alla vostra rubrica con un iPhone e con un altro telefono… mi saprete dire. La nuova interfaccia, è un capolavoro di minimalismo razionalizzato, non fine a se stesso, ma tendente a semplificare le operazioni che ogni giorno compiamo con i nostri iDevice, chi ha voglia di perdere ore e ore a fare una banale operazione sul proprio smartphone? Io no di certo. Jonathan Ive è solito dire “less is more”, meno è meglio, ed ha pienamente ragione, quando questo meno ci aiuta a fare meglio quello che dobbiamo fare.

Steve Jobs sarebbe stato fiero di questo redesign.